Frances (Ha): Undateable

Frances e’ una quasi trentenne che sogna di diventare ballerina, vive a New York in un appartamento in condivisione con la sua migliore amica dai tempi del college, Sophie, e racimola qualche soldo dando lezione ai bambini nella scuola di ballo che frequenta. Frances lascia  il fidanzato quando le propone di andare a convivere, un po’ perché non si sente pronta a lasciare  la sua amica ma sopratutto perchè, più o meno inconsapevolmente, non si sente pronta a crescere.

Dal canto suo invece Sophie, volubile ma concreta, ha capito che e’ ora di dare una svolta al suo futuro.  Lasciare l’appartamento e trasferirsi a Tribeca le dara’ la possibilita’ di sciogliere il legame di amicizia simbiotica, questa scelta la portera’ prima a tasferirsi a Tokyo col fidanzato e infine a decidere di sposarlo.

Il cambiamento radicale  spinge Frances  a confrontarsi con le responsabilita’ della vita adulta, si dovra’ occupare da sola di qualsiasi faccenda domestica o personale, senza poter più contare su altri o meglio sull’altra parte di se stessa (“we’re the same person…But we have different hair”)

Da qui in poi gli inconvenienti che le capiteranno e la consapevolezza che Sophie ha intrapreso la sua strada, le fanno capire che il tempo passa, la vita si evolve, occorre prendere decisioni concrete e fare compromessi con se stessi, ma tutto cio’ a volte puo’ dare belle soddisfazioni.

Diretto da Noah Baumach,  scritto dallo stesso regista  insieme alla compagna e protagonista Greta Gerwig, Frances Ha è stato giraFHto completamente in bianco e nero, e i momenti salienti nella vita di Frances  vengono scanditi indicando ogni “capitolo” con l’ indirizzo della strada in cui si trova.

Se vogliamo trovare qualche paragone figo possiamo anche parlare del Woody Allen di Manhattan, o restando  su qualcosa di più attuale possiamo citare Girls  di Lena Dunham ma, in entrambi i casi,  siamo su un piano completamente diverso.

Frances è simpatica, un pò stramba e a volte appare malinconica, ma difficilmente la sentiamo compatirsi o psicanalizzarsi come farebbe Isaac Davis,  cosi come non la vedremo mai aggirarsi nuda in qualche stanza alla ricerca di risposte nel sesso “catartico” (del resto se volete vedere la versione cinematografica, seppur embrionale, di Girls avete già Tiny Furniture). Frances ha una visione della vita romantica, ma il suo personaggio non scivola mai nel melenso, se e’ ossessionata dal  “patto di amicizia” con Sophie lo fa perché in fondo e’ cio’ che piu’ si avvicina a quella famiglia o a quella comunita’ che ha lasciato trasferendosi a New York, e avrà bisogno di  un po’ di tempo per capire come e con chi ricostruirle.

Benji – Who were you fucking last week, Frances?

Frances –  I make love.

Benji – Frances: Undateable

Img: imdb

Annunci

Un pensiero su “Frances (Ha): Undateable

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...