Oscar_2015: preferenze, previsioni e vincitori

Questa notte finalmente si terrà la cerimonia degli Oscar 2015, tralasciando le categorie più particolari, che insieme agli altri risultati potremo trovare sul sito ufficiale, posso tirare le mie somme personali per le categorie principali.Oscars

Alla fine ho visto film scegliendoli in base all’ispirazione del momento, ad esempio non ho modo di esprimermi su uno dei grandi favoriti, Boyhood. Il questo caso dopo lo slancio iniziale ho un po’ perso il desiderio di guardarlo, quindi lo lascerò decantare ancora un pochino. Non ho visto Selma, per semplici motivi di tempo. Per la stessa ragione non mi posso esprimere su Ida, Unbroken, Mr. Turner e Into the Wood, titoli che comunque mi interessavano e guarderò in seguito.

In aggiunta a ciò di cui ho scritto, ho dato spazio ad un paio di documentari, Finding Vivian Maier e Citizefour. Quest’ultimo visto, per ora, a pezzetti non mi entusiasma, ma è una considerazione temporanea, mi sono semplicemente un pò stufata del genere inchiesta, che ormai troviamo ovunque.

Discorso diverso se parliamo di Finding Vivian Maier, documentario che nasce da una pura casualità: John Maloof, uno degli autori, mentre cercava immagini per un progetto sulla città di Chicago comprò ad un’asta una scatola di negativi,e scoprì centinaia di foto bellissime scattate da una sconosciuta. Decise di seguirne le tracce e girare dei filmati di questa caccia alla donna. Il documentario racconta il percorso fatto da Maloof, per scoprire che Vivian Maier era in realtà una bambinaia anche un pò mezza matta, con la passione per la fotografia, ma che non ebbe mai modo di sfondare in questo campo. Forse non è una storia particolarmente avvincente ma l’ho trovata comunque interessante.

Prima di passare ai pronostici mi soffermo ancora su due film guardati sul filo di lana, il primo è Foxcatcher, Steve Carrel e Mark Ruffalo sono candidati, ed entrambi piuttosto bravi, poi se ci mettiamo che io ho un debole per Ruffalo allora ciao. La storia è piuttosto inquietante sopratutto perchè basata su un ftto di cronaca, c’è da dire che il film è l’elogio della lentezza, non l’ho trovato orrendo ma non sempre la suspance è creata dai tempi dilatati.

Infine devo spendere due parole per il film polemica di quest’anno, ovviamente mi riferisco ad American Sniper.                     Da tempo non guardavo un film di guerra puro, forse dai tempi in cui andavano di mmoda i film sul vietnam, e mi è piaciuto. Avvincente riesce a combinaAmerican Sniperre immagini puramente militari al risvolto personale della storia senza affondare nella psicologia,, nè in considerazione tipo “portiamo loro la democrazia, perchè non ci vogliono bene?”.                                                           Per carità è guerrafondaio, profondamente filoamericano senza avere la gentilezza di tener conto delle ragioni nemiche, ma qui parliamo di texani  con un passato da cowboy che, nel tempo libero, portano i figli a sparare ai cervi, quindi dubito che la pellicola potesse prendere una piega diversa.

Qui sotto ci sono le mie preferenze, che in alcuni casi come per il voto alla Moore sono previsioni (io avrei votato la Pike, ma Julianne fa una parte che spacca i culi), sono evidenziate in grassetto, i vincitori reali verranno poi indicati domani in modo diverso sono stati indicati con la parola [OSCAR]

Miglior documentario

  • Citizenfour, regia di Laura Poitras   [OSCAR]
  • Alla ricerca di Vivian Maier (Finding Vivian Maier), regia di John Maloof e Charlie Siskel
  • Last Days in Vietnam, regia di Rory Kennedy
  • Il sale della terra (The Salt of the Earth), regia di Juliano Ribeiro Salgado e Wim Wenders
  • Virunga, regia di Orlando von Einsiedel

Miglior trucco e acconciatura

  • Bill Corso e Dennis Liddiard – Foxcatcher
  • Frances Hannon e Mark Coulier – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)  [OSCAR]
  • Elizabeth Yianni-Georgiou e David White – Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy)

Migliori costumi

  • Milena Canonero – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)  [OSCAR]
  • Mark Bridges – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Colleen Atwood – Into the Woods
  • Anna B. Sheppard e Jane Clive – Maleficent
  • Jacqueline Durran – Turner (Mr.Turner)

Miglior montaggio

  • Joel Cox e Gary D. Roach – American Sniper
  • Sandra Adair – Boyhood
  • Barney Pilling – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • William Goldenberg – The Imitation Game
  • Tom Cross – Whiplash  [OSCAR]

Migliore colonna sonora

  • Alexandre Desplat – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)  [OSCAR]
  • Alexandre Desplat – The Imitation Game
  • Hans Zimmer – Interstellar
  • Gary Yershon – Turner (Mr. Turner)
  • Jóhann Jóhannsson – La teoria del tutto (The Theory of Everything)

Migliore fotografia

  • Emmanuel Lubezki – Birdman   [OSCAR]
  • Robert Yeoman – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Ryszard Lenczewski e Lukasz Zal – Ida
  • Dick Pope – Turner (Mr. Turner)
  • Roger Deakins – Unbroken

Miglior scenografia

  • Adam Stockhausen – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)    [OSCAR]
  • Maria Djurkovic – The Imitation Game
  • Nathan Crowley – Interstellar
  • Dennis Gassner – Into the Woods
  • Suzie Davies – Turner (Mr. Turner)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Jason Hall – American Sniper
  • Graham Moore – The Imitation Game    [OSCAR]
  • Paul Thomas Anderson – Vizio di forma (Inherent Vice)
  • Anthony McCarten – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Damien Chazelle – Whiplash

Migliore sceneggiatura originale

  • Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando Bo – Birdman  [OSCAR]
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Dan Futterman e E. Max Frye – Foxcatcher
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Dan Gilroy – Lo sciacallo – Nightcrawler (Nightcrawler)

Migliore attrice non protagonista

  • Patricia Arquette – Boyhood   [OSCAR]
  • Laura Dern – Wild
  • Keira Knightley – The Imitation Game
  • Emma Stone – Birdman
  • Meryl Streep – Into the Woods

Miglior attore non protagonista

  • Robert Duvall – The Judge
  • Ethan Hawke – Boyhood
  • Edward Norton – Birdman
  • Mark Ruffalo – Foxcatcher
  • K. Simmons – Whiplash   [OSCAR]

Miglior attrice protagonista

  • Marion Cotillard – Due giorni, una notte (Deux jours, une nuit)
  • Felicity Jones – La teoria del tutto (The Theory of Everything)
  • Julianne Moore – Still Alice    [OSCAR]
  • Rosamund Pike – L’amore bugiardo – Gone Girl (Gone Girl)
  • Reese Witherspoon – Wild

Miglior attore protagonista

  • Steve Carell – Foxcatcher
  • Bradley Cooper – American Sniper
  • Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
  • Michael Keaton – Birdman
  • Eddie Redmayne – La teoria del tutto (The Theory of Everything)   [OSCAR]

Miglior regia

  • Alejandro González Iñárritu – Birdman     [OSCAR]
  • Richard Linklater – Boyhood
  • Bennett Miller – Foxcatcher
  • Wes Anderson – Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel)
  • Morten Tyldum – The Imitation Game

Miglior film

  • American Sniper, regia di Clint Eastwood
  • Birdman, regia di Alejandro González Iñárritu     [OSCAR]
  • Boyhood, regia di Richard Linklater
  • Grand Budapest Hotel (The Grand Budapest Hotel), regia di Wes Anderson
  • The Imitation Game, regia di Morten Tyldum
  • Selma – La strada per la libertà (Selma), regia di Ava DuVernay
  • La teoria del tutto (The Theory of Everything), regia di James Marsh
  • Whiplash, regia di Damien Chazelle

Img Oscar: by Global panorama on Flickr

Img American sniper: By Bago Games on Flickr

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...