#Istantanea della settimana

Però un’azione non è mai giusta solo in quanto è un ordine, un’abitudine o un capriccio. Per sapere cosa è veramente conveniente per me, devo esaminare più a fondo quello che faccio, ragionando da solo. Nessuno può essere libero al mio posto, ossia: nessuno può dispensarmi dallo scegliere e dal cercare da solo. Quando siamo piccoli, immaturi e sappiamo poco della vita e della realtà, sono sufficienti l’obbedianeza, la routine e il capriccetto. Ma questo perchè  ancora dipendiamo da qualcuno, siamo in mano a qualcuno che ci protegge. Poi bisogna diventare adulti, cioè capaci di inventare in un certo senso la propria vita[…]. Naturalmente non possiamo inventarci completamente […]. Però tra gli ordini che ci danno, le abitudini che co troviamo intorno o che ci creiamo da noi […] dovremo imparare a scegliere da soli.  Non c’è alternativa, se vogliamo essere uomini e non agnellini dovviamo pensare due volte a ciò che facciamo. E se proprio vuoi saperelo anche tre o quattro volte in certe occasioni speciali. La prima cosa che bisogna mettere in chiaro è che l’etica per un uomo libero non ha nulla a che vedere con punizioni e premi distribuiti dall’autorità, umana o divina che sia fa lo stesso. Colui che si limita a sfuggire alla punizione e cercare la ricompensa che altri gli offrono, in base a norme stabilite da costoro, non è che un povero schiavo”

 

Da: Etica per un figlio di Fernando Savater ( Ed. Laterza) Traduzione: David Osorio Lovera e Cristina Paternò

ISBN: 978-88-420-8231-6

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...