A proposito di giornata mondiale del libro

La giornata mondiale del libro.

Nel lungo periodo sarei curiosa di sapere se questa iniziativa avrà il successo che ci si aspetta.

Nel breve periodo mi piacerebbe riuscire a rassicurare chi si preoccupa del futuro della letteratura, io prendo quotidianamente mezzi pubblici, spesso anche di diverse tipologie, eppure vedo sempre molte persone giovani o vecchie intente a leggere libri, nuovi o presi in biblioteca, o tablet o e-reader vari. E’ vero molti altri hanno in mano il telefono intenti all’ultima sfida di candy crash, ma ognuno è libero di fare ciò che vuole.

Ora, dando per scontato che i giocatori di candy crash siano più dei lettori, mi fermo a commentare due dei cinque punti elencati da Severgnini su #iononleggoperche’:

5) Molti non leggono libri perché ne vogliono scrivere. La pubblicazione è diventata un’ossessione. Una persona che legge bene, invece, è più affascinante di una persona che scrive male. Ma vaglielo a spiegare.

un po’ mi sono sentita chiamata in causa, del resto nel momento in cui apri un blog lo fai perché speri che qualcuno ti legga, e se poi hai passione per i libri dentro te nutri sempre un po’ quella speranza che un giorno anche tu chissa’. Si lo ammetto il sogno di scrivere, di entrare a far parte di quella schiera di persone che mettono su carta i pensieri, una storia un racconto e ti fanno godere mentre tu da “spettatore” ne leggi, mi ha sempre affascinata. Ricordo quando sfogliavo  Famiglia Cristiana a casa di nonna e sognavo di partecipare ad uno dei concorsi indetti per scrivere racconti di saghe famigliari. Poi, grazie a dio dira’ qualcuno (no ma siete simpatici un casino), ho sempre rinunciato. La consapevolezza dei propri limiti miscelata con la pigrizia è un cocktail letale per i propri sogni.

3) Molti non leggono libri perché hanno preso fregature. Mentre la recensione cinematografica ha una dignità, quella letteraria è finita da tempo. Finita male. Suicidio. Parlando bene dei brutti libri di conoscenti, o tacendone l’inverecondia, abbiamo perso la fiducia dei lettori. Al posto della recensione, oggi, c’è la segnalazione televisiva: uno splendido libro o un pessimo libro vengono trattati allo stesso modo dal conduttore (che non ha il tempo di leggerli).  Segue acquisto e, spesso, profonda delusione.

E’ proprio questo il punto, chi ama i libri col tempo ha imparato a sceglierli, chi per la prima volta decide di comprarne uno spesso si affida alle rapide segnalazioni televisive che vede per caso alla fine del tg.

Perchè il problema è anche questo, trasmissioni televisive che parlino di libri vi sfido a trovarne. i miei ricordi in questo senso risalgono agli anni ’90, la trasmissione si chiamava “A tutto volume”, palinsesto: domenica sera dopo le 23. Non sia mai che qualcuno la guardasse. Era una trasmissione presentata da una Daria Bignardi trentenne, molto prima che diventasse una scafata presentatrice di talk show e vi assicuro che era un piacere sentirla. Prima di lei Alessandra Casella, sento ancora risuonare la voce con la dizione pulita mentre leggeva un estratto di Cuore di cane di Bulgakov.

Oggi di tutto questo non è rimasto nulla, si salva,  Pane Quotidiano della De Gregorio, che potete ascoltare anche solo in cuffia, spesso da li sono passati bei libri.

La mia esperienza personale, con un passato di giovane non lettrice, mi fa suggerire: mostrate libri, libri belli, intensi non per forza alta letteratura. Anche i gialli da ombrellone sanno essere un buon inizio, suggeriteli senza pretese, con consapevolezza così li saprete descrivere col cuore. Un giorno passerà di li un giocatore di candy crash e forse incantato, prima di dedicarsi al prossimo livello, si leggerà un paio di pagine.

IMG: screen shot del sito internet dell Treccani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...