Tre libri al volo (collezione primavera /estate)

Poco fa mi stavo guardando in giro per decidere che libro iniziare.

Non è mai semplice, in genere consulto liste o guardo foto di quello che ho in sospeso da leggere e poi lascio scegliere alla sensazione del momento che mi fa dire, ho voglia di questo!

Ho imparato  in questa stagione, che volge al caldo, al cambio di abitudini, alle giornate che si allungano, la scelta è rischiosa, mi è capitato di trovarmi tra le mani volumi che in quel deterinato momento diventavano pallosissimi, tanto d trascinarli  per 4 mesi.

Il bel tempo porta con se l’esigenza i letture più leggere.  Aumentano le giornate all’aperto e all’aperto c’è rumore. Il rumore mi distrae.

Allora ho pensato che forse altri potrebbero essere nella mia stessa condizione, chissà.

Ecco tre titoli, al volo, di roba che ho già letto e che potrebbe andare bene per questo periodo:

Non sono quel tipo di ragazza di  Lena Dunham – Lei negli Stati Uniti è considerata la voce delle nuove generazioni, in Italia non credo siano in molti a conoscerla. Lena Dunham è autrice e interprete del telefilm Girls, in cui ormai da 4 stagioni ci racconta la vita dei ventenni (americani) ma forse nemmeno di tutti.  Lo scorso inverno è uscito questo suo libro, una sorta di diario, in cui Lena racconta le sua vita, i suoi errori nella scelta dei fidanzati, le sue ipocondrie, le sue malattie, la sua famiglia.

PRO: è un libro divertente, a volte potrebbe anche farvi riflettere, ma non troppo. Se conoscete la Dunham vi svelerà nuove sfumature di questa autrice/attrice, pur senza allontanarsi troppo dal suo carattere. Lena non lesina particolari sulla sua salute sia fisia che mentale, dedicando parte di un capitolo alla terapia.

CONTRO: il rapporto qualità prezzo al momento (copertina rigida Euro 16,90) direi che non vale la pena. Iperpubblicizzato come la rivelazione del secolo, ma banalmente continua a raccontare le avventure dell’autrice. E’ quello che io definisco un libro che sicuramente è più adatto al pubblico americano, lei è una sorta di icona neo-femminista, di quel femminismo che qui da noi non sappiamo nemmeno cosa sia.

Nonostante i contro siano molti, mi sento di consigliarlo perché a me alla fine e’ piaciuto, mi ha fatto sorridere e passare un po’ di tempo in modo divertente.

Il sentiero dei bambini dimenticati di  Elly Griffiths –   primo volume della serie “Ruth Galloway”, in inghilterra balzo’ in testa alle vendite in seguito al semplice tam tam dei lettori e dei librai. In realtà siamo di fronte ad un giallo lineare, in cui si intrecciano le vicende della protagonista che alla fine rischiano di prendere il sopravvento sull’interesse dei lettori.

CONTRO: se vi piacciono i gialli super intrecciati che vi rivelano il gran  finale non fa per voi. Se vi piacerà ricordate che è una serie , le serie fanno prigionieri a volte anche nel momento in cui la bellezza dei libri viene meno si rischia di continuare a leggere per puro affetto.

PRO: è quello che definisco un giallo riposante, non scivola nello stupido, ma non fa vivere neppure la tensione snervante. La protagonista è un’archeologa un po’  sovrappeso, con genitori invadenti e bigotti che la assillano, lei conduce una vita monotona insieme ad un gatto. Se siete stufi di protagonisti radical chic alla Kay Scarpetta potrebbe fare per voi.

Il lamento del prepuzio di Shalom Auslander –  uno stile alla Woody Allen, con l’umorismo che caratterizza  gli scrittori di origine ebraica. Giovane  americano, sposato in attesa di un figlio, nato e cresciuto in una famiglia ebrea ortodossa ci racconta come è stata la sua vita all’interno di questa comunità, con la figura di Dio sempre presente, un dio vendicatore, un dio che “quando meno te lo aspetti…aspettatelo”.

PRO: fa  molto ridere, e riesce ad essere comunque molto realistico, sopratutto per chi si sente addosso forti retaggi religiosi legati all’infanzia e una volta cresciuto abbia provato a liberarsene seppur con scarsa riuscita. Va bene  qualunque sia o sia stata la vostra religione.

CONTRO: è una tematica già più volte sviscerata da altri al cinema o nei libri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...