Going Clear: in Italia arriva a Giugno il documentario HBO

Il 25 giugno verra’ trasmesso anche in Italia Going clear.

Going clear: scientology and the prison of belif è un  documentario presentato al Sundance,  poi trasmesso da HBO a marzo. Girato dal regista  Alex Gibney racconta la nascita e l’evoluzione di Scientology, il culto religioso famoso principalmente per avere tra i suoi sostenitori alcune note star di Hollywod.

Il documentario, basato sul libro scritto da Lawrence Wright Going Clear: Scientology, Hollywood, and the Prison of Belief“, ha avuto un ottimo riscontro da parte della critica, ma la reazione della chiesa di scientology non è stata altrettanto positiva. Alcuni giorni dopo la prima del film hanno comprato un’intera pagina pubblicitaria del  New York Times paragonando il film di Gibney ad un articolo apparso sul Rolling Stone “a rape on campus” che dopo aver destato scalpore si era rivelato un fake costringendo la rivista a ritrattare il pezzo.

L’intero lavoro racconta la storia di Scientology, partendo dalle testimonianze di alcuni ex membri del gruppo, che raccontano le loro personali esperienze sia positive che negative. Going clear_2

Cercando di non spoilerare troppo, il documentario inizia introducendo la figura di LR Hubbard, fondatore del culto. Figura controversa, Hubbard, dopo una giovinezza non troppo proficua nella marina americana, si e’ poi riciclato come scrittore. Già tra gli anni ’30 e ’40 era stato autore assai prolifico  principalmente di racconti Sci-fi, sebbene le sue opere spazziassero  dai saggi alla poesia ai testi tecnici.

Il grande successo lo raggiunge pero’ negli anni ’50 con l’opera Dianetics, seguendo principi che molti hanno definito come psicologia spicciola, LHB ebbe un importante seguito. Il volume, semplificando molto, partiva dal presupposto che ogni malessere delle persone, dallo stress a molte malattie possono essere curate con  sedute di auditing in cui l’individuo cerca di risalire a ricordi spiacevoli anche lontanissimi nel tempo, in modo da rendere clear la sua mente.

In seguito, bansandosi proprio su i principi presenti in Dianetics, Hubbard fonda scientology, con lo scopo di far riconoscere questo culto come una religione, il riconoscimento vero e proprio sarebbe stato ufficiale quando il governo degli Stati Uniti avrebbe accettato di considerare il gruppo come charity garantendone così la piena esenzione fiscale.

Nel 1986 Hubbard muore, a succedergli, in quanto suo braccio destro, è David Miscavige, che diventa ed è tuttora il leader di Scientology. Ovviamente da li in poi il gruppo andrà avanti ricordando il suo fondatore, ma avendo in Miscavige un ottimo punto di riferimento carismatico. Le pratiche del gruppo non sono cambiate, si moltiplicano le sedute, gli adepti di volta in volta vengono elevati a livelli di liberazione dell’io superiori, e come già accadeva con Hubbard a loro volta i livelli si moltiplicano. Il vero passo avanti della nuova gestione avviene nel 1993 quando il guppo riesce finalmente ad essere considerato culto religioso dal governo.

L’ultima parte del documentario passa in rassegna il rapporto tra alcune famosissime star di hollywood e il loro legame con questa religione.

Ma sopratutto ci mostra il percorso dei testimoni, ex scientologisti, e i motivi che hanno avuto per abbandonare il gruppo: chi dopo 35 anni di permanenza si è svegliato con la certezza che si stessero raccontano storie folli, chi è stato isolato in quello che viene definito il buco senza il coraggio di ribellarsi. Chi ha rischiato di perdere i propri bambini, chi si è sentito chiedere di tagliare i ponti (disconessione) non solo con coloro che non facevano parte del gruppo, ma addirittura con i propri figli. La difficoltà maggiore, dicono queste persone è che fai parte di un gruppo  e ti viene chiesto di allontanrti da chi non ne fa parte e ci credi, lo fai, ma quando arriva il giorno che vuoi tornare alla vita comune non puoi perchè ti rendi conto di essere completamente solo al di fuori di li.

Questo e molto altro è quello che vedremo a giugno, per capire meglio una realtà di cui spesso sentiamo parlare, ma di cui sappiamo pochissimo. E se vi interessano le parti più “gossippare” di questo tema, mi spiace deludervi, ecco cosa NON troverete in Going Clear.

 

IMG_1: dal flickr

IMG_2: da flickr

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...