LaLibreriaIpotetica: #1_M Train di Patti Smith

Ecco il primo di una serie di post a cadenza, facciamo quindicinale, col quale darò sfogo alle mie brame di lettrice.
 
Mentre il mio tempo è poco e spesso la mia concentrazione altalenante io continuo a “scrollare” pagine internet, a girare tra scaffali veri o virtuali, a sfogliare cataloghi omaggio ripetendo come un mantra ” questo prima o poi vorrei leggerlo”.
Partiamo con una biografia di recente uscita, per ora, solo in lingua inglese.
M Train  è il nuovo libro di Patti Smith dopo il successo  di Just Kids uscito nel 2010. Allora la poetessa del rock  raccontava la sua giovinezza, le camere del Chelsea Hotel,  il legame che si era creato  con Robert Mapplethorpe.
Oggi in M train ci porta di nuovo dentro i suoi ricordi, quelli dell’amore, finito in tragedia, col marito Fred Sonic Smith. Ma anche dentro se stessa raccontandosi attraverso le cose che preferisce, le foto, i locali in cui beve caffè e riflette o scrive, i suoi poeti, scrittori, pittori preferiti.
Una Patti Smith, dicono alcuni lettori, che si concede il suo tempo in modo semplice e molto umano.
450px-Patti_Smith_performing_at_Roundhouse,_London_(4)Beh io non so come fosse realmente questa donna quando divenne la voce di una generazione, la appresentante  di un certo tipo di musica negli anni 70, non so nemmeno come sia ora, realmente, però mi è capitato di osservarla, qualche anno fa.
Osservarla mentre, prima di un concerto, si aggirava tranquilla e normalissima in un bar, e avvicinata da alcuni fan in attesa di sentirla cantare, sorridendo si mise a parlare con loro di musica e fotografia.
Allora mi sono concessa solo il lusso di “spiarla”  abbastanza da vicino, a fermarmi forse la timidezza o forse il fascino che provavo di fronte ad una persona che con la sua musica aveva attraversato anni e riusciva ancora a richiamare folle eppure riusciva ad aggirarsi pacifica, semplice, gentile e sorridente come farebbe una persona qualsiasi (anzi una bella persona qualsiasi che quel mattino si è svegliata di buon umore).
Sono molto curiosa di scoprire Patti Smith che racconta Patti Smith. Sarebbe un po’ come incontrarla nuovamente in un bar e fare una bella chiaccherata con lei. Ad esempio le direi che a me Frida Khalo m’è sempre stata un pò sul cazzo, ma vorrei capire il punto di vista di chi la apprezza.
Intanto qui sotto c’è una bella intervista rilasciata al sito Goodreads: https://www.goodreads.com/interviews/show/1069.Patti_Smith.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...