Oscar_2016:We all dream in gold

Come sono stati gli oscar quest’anno? Per quanto mi riguarda i premi hanno rispecchiato le mie preferenze, ma andiamo per gradi.

La serata:  non particolarmente entusiasmante, ha risentito della polemica che si trascinava da mesi #Oscarsowhite. Per forza di cose il filo conduttore della serata e’ stato appunto quello della discriminazione razziale, Chris Rock ha iniziato con un monologo molto corretto, nella prima parte ha preso  in giro la protesta accorata dei coniugi Smith, per concluderlo confermando il “razzismo” di Hollywood. Per il resto abbiamo avuto siparietti che ha portato avanti  col supporto di una rediviva e tatuatissima Whoopi Goldberg.

 Per quanto mi riguarda, al di la della tematica tanto vera quanto spinosa, ho preferito conduzioni come quella di Seth McFarlane o di Neil Patrick Harris, se non altro perche’ in entrambi i casi la cura del dettaglio dalla sigla iniziale agli schatch mi sembrava migliore, piu’ preparata. Nota di demerito alla regia dello show, molto al di sotto del consueto.

I Premi:

I vincitori li possiamo vedere qui, parliamo solo di delle consegne “più”…

…simpatiche

  • Mad Max Fury Road, il mio grande favorito, non ha concluso col botto del miglior film, ma ha preso giustamente quasi tutti i premi tecnici. Se li meritava. Tra i momenti piu’ belli la consegna della statuetta per il Sound Mixing, durante la quale  Mark Mangini e David White erano travolti da un contagioso e divertentissimo entusiasmo e la passerella di Jenny Beavan, vincitrice per migliori costumi. Proprio su quest’ultimo punto in questi giorni sta sorgendo l’ulteriore polemica, ma prima di polemica potremmo direttamente parlare di figura di merda.

La Beavan, che mi preme ricordarlo è una costumista britannica al suo secondo oscar con in mezzo 8 candidature, quindi non proprio l’ultima arrivata, ha scelto in omaggio al film e probabilmente per sentirsi a proprio agio un look alternativo, che potremmo definire stile biker con tanto di giubbotto di pelle. Personalmente ritengo che questa scelta proprio per l’essere in linea col film avrebbe dovuto essere accolta con un sorta di boato se non altro per la simpatia dimostrata, la reazione degli altri caandidati è stata di tutt’altro genere per dire Inarritu ha accolto la sua salita sul palco col uso lungo e le braccia conserte.

… attese

  • Leonardo di Caprio, visibilmente teso, ha finalmente vinto il suo oscar tra la gioia dei colleghi. Ottimo Michael Fassbender che salta in piedi e applaude sorridendo alla vittoria del suo sfidante. Il vincitore durante il discorso forse si è dimostrato troppo pacato, ma l’aspettativa era talmente tanta che probabilmete ha preferito non sbracare, non ha dimenticato però di continuare a perorare la causa del pianeta e dei nativi, ne di ringraziare il regista che tanto gli ha dato in questi anni, Martin Scorsese.

Decisamente più divertente è il video che ritrae Leonardo in attesa che personalizzino la statuetta col suo nome. Evidentenmente contento ammorba l’addetta fino a farla sorridere.

… commoventi

… discusso

  • Spotlight ha vinto, tra l’altro, l’oscar come miglior film, personalmente sono molto contenta. Non penso sia un filmone dal punto di vista tecnico e non è neppur eparticolarmente innovativo. Mi è piaciuto perchè parla di stampa d’inchiesta, di un argomento particolarmente imbarazzante e del gruppo di giornalisti che ha lavorato al caso, lo fa però in modo “neutro” senza senza diventare ne un biopic, ne un film sulla stampa e, grazie a dio, neppure una denuncia con la ricerca della lacrima facile o dell’indignazione. Racconta una storia, un fatto e mi piace così.

I grandi esclusi:

Sono rimasti incredibilmente esclusi sia Star Wars che pure aveva fatto un buon richiamo di pubblico, ma sopratutto The martian andato meglio ai golden globe  e l’acclamato Carol.

I vestiti:

… più belli, a mio parere ( partendo dal presupposto che io sono praticamente incapace di indossare qualcosa che non sia jeans)

Jennifer Garner, un nero Versace fighissimo!

Brie Larson, perchè mi piacciono le pieghe, le spalline e il colore

Cate Blanchett, perchè le donava sebbene fosse di un colore orrido

Amy Poehler, perchè è un vestito che potrei indossare io!

Il peggio:

Il solito Jared Leto che deve sempre scegliere il vestito da babbeo per farsi notare

La pettinatura di Rooney Mara che tra l’altro l’ha costretta a centellinare i sorrisi. Giosci Rooney che tu eri agli oscar io sono qui a scrivere cazzate.

Il vestito piuttosto orrendo sommato al periodo “pauperismo” di Olivia Munn, perdio Olivia torna quella che eri ai tempi di Newsroom!

Il meglio:

Kate Winslet commossa per l’oscar di Leo, e tutte le volte che ha partecipato sorridente nonostante avesse perso una statuetta per cui era favorita

Cate Blanchett, perchè è una gran signora e perchè ha riacquistato una faccia normale, i primi piani  di Carol ci avevano fatto temere il peggio.

Brie Larson, che prima di ritirare l’oscar come miglior attrice protagonista abbraccia Jacob Tremblay, e lui, il coprotagonista di Room, che come ogni bambino normale si alza in piedi nel momento in cui entrano i personaggi di star wars.

… il resto non sto nemmeno a spiegarvelo:

Mark Ruffalo, Liev Schreiber, Tom Hardy

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...