Emmy 2016: le nomination

Anche quest’anno, puntuali come le tasse sono arrivate le candidature agli Emmy 2016, alle 17:30 di oggi, ora italiana, Lauren Graham (Una mamma per amica, Parenthood) e un esagitato Anthony Anderson (Black-ish) hanno finalmente rivelato i nomi dei candidati scelti dagli adetti ai lavori.

Come sempre le scelte in alcuni casi sono state un po’ “contestate” o meglio, tutti a chiedersi perchè candidare una cosa piuttosto che un’altra, ma, almeno a leggere sui social, possiamo dire che le candidature hanno premiato l’innovazione.

Scorrendo la lista dei nominati, che troviamo qui, è evidente un certo tentativo di svecchiamento: viene dato più spazio a serie presenti su canali tipo netflix, sopratutto nomi e titoli piuttosto innovativi, oltre che alla resenza di numerose candidature a  personaggi e serie inglesi.

Se c’è un difetto che ho sempre imputato agli Emmy è la ripetitività, in genere quando una serie viene candidata una volta ed ha parecchio successo di pubblico negli anni seguenti la ricandidatura è quasi scontata, senza tener conto che, come spesso accade, anche nelle serie migliori ci possono essere stagioni più o meno meritevoli. I casi che si ripetono quest’anno e che vanno avanti da molti anni sono ad esempio, Veep, Modern Family, House of Cards, Homeland e lo stesso Game of Thrones. Il punto è che personalmente non credo che se una serie dura n stagioni la sua bellezza sia costante e quindi si meriti una candidatura e una vittoria.  Restando su due serie che ho visto, Game of  Thrones, che ha preso il maggior numero di candidature, seè vero che merita premi tecnici o di scrittura sono più scettica sulle nomine agli attori, per dire siamo tuti concordi che una come Emilia Clarke sia cagna anche in foto (cit.). Al contrario dopo vari anni non troviamo ne Girls, ne Orange is the new black, grandi assenti visto che entrabe a mio parere hanno avuto una delel loro stagioni migliori, due casi questi che forse non si meritavano la partecipazione gli anni scorsi e sicuramente la meritavano questa volta.

Al di la di questo, personalmente sono entusiasta per alcune scelte più coraggiose da Mr Robot a Kimmy Schimidt fino addirittura a Master of none con Azis Ansari (nel caso non doveste capirlo da qui in poi, io ADORO Aziz).

Detto questo, come sempre, ne riparleremo nelle settimane a venire, prima della serata ufficiale che si terrà il 18 settembre e sarà condotta da Jimmy Kimmel.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...