Un filo d’olio di Simonetta Agnello Hornby

Ecco il mio secondo passo nel mondo di Agnello Hornby, a casaccio lo so, era mia intenzione partire dal primo libro, La Mennulara, ma questo mi è stato regalato ed ero molto curiosa.

Un filo d’olio racchiude due delle cose di cui spesso mi piace leggere: biografie e ricette.

Con la collaborazione della sorella Chiara, Simonetta Agnello Hornby racconta le storie della sua infanzia che per gran parte dell’anno trascorreva a Mosè, la tenuta di famiglia che il padre ristrutturò e che la sorella ha poi trasformato in un agriturismo.

In queste pagine Agnello Hornby porta il lettore ai momenti della sua infanzia. Una “quasi” autobiografia che ci mostra  Nicoletta dai 5 anni fino alla prima adolescenza, attorno a lei la famiglia, i dipendenti della casa, i contadini, i parenti lontani in visita. Come per La mia Londra l’intento biografico viene messo presto da parte per lasciare spazio alla descrizione di singoli eventi, abitudini, stili di vita. Nelle righe di questo libro c’è l’unione tra i ricordi delle due bambine e  una sorta di rispetto per la privacy dei protagonisti.

Il libro si rivela comunque piacevole anche per il legame tra le persone e la cucina fino a sbocciare sul finale del volume con una serie di ricette divise per mese (mesi estivi quelli in cui la terra è più generosa di frutti). Ricette perfezionate con gli anni, come suggerisce Chiara Agnello, e sopratutto ricette di famiglia. Dimentichiamo, quindi,  gli ingredienti costosi ed introvabili, gli alimenti impiattati secondo le sfumature di colore o chissà cos’altro. Siamo di fronte ad una cucina personale, legata alle tradizioni di una famiglia che pur di origini nobili, utilizzava principalmente alimenti autoprodotti, una cucina  prevalentemente vegetariana, perchè quello offriva la terra di Mosè.

Un filo d’olio non è un libro indimenticabile, però rimane una piacevole lettura  anche per immergersi in una realtà ormai piuttosto lontana nel tempo e sopratutto, almeno per me, nei luoghi, in una Sicilia pur tanto amata ai fini turistici, ma poco conosciuta per la sua storia se non per le tristi cronache  che la riguardano.

Un filo d’olio di Simonetta Agnello Hornby [ed. Sellerio]

ISBN: [88-389-2549-6]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...