Nella mente di J.J.

E’ probabile che Lost resterà la sua “creatura” migliore, ma per i fan del signor Abrams segnalo la nuovissima serie FRINGE. A metà tra Alias (altra famosa creazione di Abrams) e XFiles, questa nuova serie vede trai suoi interpreti una gelida e a tratti fastidiosa Anna Torv, ma soprattutto due attori per cui vale la pena vederla, Joshua Jackson e John Noble, nei panni Peter e Walter Bishop. Olivia Dunham e John Scott, due agenti dell’FBI colleghi e  (segretamente) amanti, vengono improvvisamente richiamati per risolvere un caso particolarmente anomalo, il volo 627 è precipitato e al suo interno equipaggio e … Continua a leggere Nella mente di J.J.

Attività

Sì, è che mi è venuta voglia di provare a fare una di quelle cose che fanno i blog fighi, seguire un super evento in tv e parlarne sul blog sviscerandolo fino alla nausea. Poi mi sono ricordata che tempo fa avevo già fatto una cosa del genere, commentando le puntate di Lost, a modo mio e perciò tutt’altro che fighetto. Mi sarebbe piaciuto passare una notte in bianco per seguire la notte degli oscar, ma ho scoperto dopo alcune ricerche che è praticamente impossibile che la facciano in streaming. Perciò ciccia. Visto che tutto il resto mi rompe le … Continua a leggere Attività

Dove cavolo è Buffy quando serve?

Mentre aspettiamo i due post a tematica libresca che ho in mente di fare,  eccomi a propinare un alto momento di delirio televisivo da vera drogata di telefilm. Chi bazzica il mio fb avrà capito che, almeno fino ad oggi, ultimamente c’è stato solo lui, True Blood. Arriverà in Italia a marzo e perciò io me lo sono visto in inglese giusto per non correre i soliti rischi di doppiaggi e traduzioni varie. Mi gioco 5 euro che questa volta più che mai entrambi saranno fatti, com’è che si dice?…alla cazzo. In breve la storia è questa: In giappone hanno … Continua a leggere Dove cavolo è Buffy quando serve?

Intro

Eccomi, sono qui ed è come se fosse la prima volta. Mi guardo intorno, sembra di sentire l’eco, come quando entri le prime volte nella casa nuova. Senti l’eco. Non la senti tua, e vorresti correre via, tornare al calore e alla quotidianità delle mura dai cui sei appena scappata. Poi col magone nel cuore fai un passo, ti chiudi la porta alle spalle e inizi a sperare. Da domani inizierai a lasciare le ciabatte sparse in giro, la mattina sentirai in cucina l’odore del caffè e comincerai a riempire ogni angolo con qualcosa di inutile, ma fondamentale e chissà … Continua a leggere Intro